Newsletter febbraio 2020


AMICI DI UDINE

Il 22 Gennaio Danilo, Alberto, Daniela e Angelico sono partiti alla volta delle missioni in Benin, per compiere il loro annuale viaggio  di incontro con i vari villaggi ove hanno portato la solidarietà del loro gruppo e di molti Friulani, attivando scuole e pozzi!!

I sostenitori hanno il piacere di accompagnarli in questo nuovo viaggio, vivendo in diretta la loro avventura ed osservandola dai loro occhi grazie a “Radio Africa”.  di incontro con i vari villaggi ove hanno portato la solidarietà del loro gruppo e di molti Friulani, attivando scuole e pozzi!!
 
La foto  riportata sopra mostra come tra le tante collaborazioni nate negli anni c’è anche quella con la scuola primaria Di Toppo Wassermann di Udine. Oltre alla raccolta di caramelle, le classi quinte realizzano ogni anno dei bellissimi lavoretti da consegnare ai loro amici di Kandi.

 


 

CAVALIERI DELLE NUBI

Il 9 di febbraio 2020 Don Michele Zanon con tre motociclisti volontari e un medico in pensione, specializzato in pediatria, partiranno per il Togo. Nella prima settimana visiteranno le missioni del Togo e sabato 16 febbraio partiranno per Abidjan in Costa d’Avorio.

Il programma in Togo è quello di verificare lo stato di avanzamento della missione di Vokutime e in particolare del pozzo, finanziato nel 2019 da Yamaha e l’acquisto della motocicletta finanziata, invece, nel 2020.
In questa settimana il medico volontario, che conosce bene la lingua francese, su richiesta delle suore ha programmato alcuni incontri formativi sui temi pediatrici, indirizzati al personale medico e infermieristico dell’ospedale di Kouvè.
In Costa D’Avorio, oltre a visitare e conoscere le tre missioni, il medico avrà il compito di prendere conoscenza della situazione e delle difficoltà nel centro sanitario di Kongouanou. L’obiettivo è verificare la possibilità di una maggiore collaborazione con l’Italia, per risolvere i tanti problemi del centro, con particolare riguardo alla difficoltà di reperire in Costa D’Avorio i medicinali necessari alla cura delle piaghe di Burulì.

 


 

SOLIDARMONDO TRENTINO

La sera di venerdì 7 febbraio 2020, alle ore 20.00 presso la sala “Flaim” della Fondazione Comunità di Arco in via Strappazocche n. 18, si terrà l’assemblea ordinaria di Solidarmondo Trentino ODV.

E’ il consueto incontro annuale… approvare il bilancio… fare il punto dei lavori in Togo … e rinnovare le tessere associative …  Si ascolterà inoltre la testimonianza di Daniel e Andrea che sono stati in Togo durante le ultime vacanze di Natale.

 


 

SOLIDARMONDO UDINE

Sabato 18 gennaio 2020 alle ore 20.30, nell’Auditorium “G. De Cesare” di Remanzacco e con il patrocinio del Comune, Solidarmondo Udine e MusicaMia hanno organizzato un concerto del complesso “AREA 70” che si è esibito facendo ascoltare 29 canzoni tra le più note degli anni 70.

Il ricavato della serata, basato su offerte libere, è stato devoluto per il sostegno delle missioni delle Suore Della Provvidenza in Myanmar e precisamente per il progetto: “UN PIATTO DI RISO, UNA BAMBINA A SCUOLA”.Nel corso della serata suor Irmarosa ha presentato il progetto e 5 suore del Myanmar hanno allietato la serata con un ballo caratteristico della loro cultura e tradizione musicale.

Ecco un breve video che documenta l’evento: https://youtu.be/OgYWsx3ek6A

Testimonianze dal Togo

Il giorno 15 febbraio una volontaria, Roberta De Filippo, recatasi nella scorsa estate in Togo, organizza in accordo con il comune di Majano una serata di solidarietà dal Titolo: “Testimonianze dal Togo”.
La serata avrà luogo  a san Tomaso di Majano e vedrà la partecipazione anche di un gruppo teatrale friulano: “G.A.D. Quintino Ronchi di S.Daniele”.

Solidarietà per Azioni 2020

Il percorso di formazione per viaggi di conoscenza in realtà di cooperazione internazionale e di missione, sta per ripartire!  Le suore della Provvidenza e Solidarmondo sono tra i 13 promotori e animatori di questa iniziativa.

Il percorso è rivolto a chi desidera conoscere più da vicino la realtà della solidarietà internazionale. Si articola in tre incontri aperti al pubblico e tre week end di formazione residenziale per i corsisti tra febbraio e maggio.

Il tema di quest’anno è: “Cambia-Menti: cambiare le menti, gestire i cambiamenti”.

Ecco il programma

Ed ecco la piccola presentazione del corso trasmessa in Telefriuli e realizzata nella casa delle Suore della Provvidenza di Udine presso le sale che illustrano le loro missioni.
https://www.telefriuli.it/cronaca/solidarieta-azioni-cambiare-menti-gestire-cambiamenti-2020/2/202178/art/

 

GRUPPO FONS

“Mani per SHALOM”

Dal 7 al 21 gennaio abbiamo fatto visita alle comunità delle “Suore della Provvidenza” in Costa d’Avorio, un viaggio che viviamo come un’intensa esperienza di incontro.
Ci siamo sentiti accolti a casa da tutte le suore: alcune le conosciamo da lunga data ma con tutte ci siamo sentiti in famiglia. Abbiamo trascorso pochi giorni ad Abidjan fra il brulicare di persone del dispensario (si è arrivati fino a 564 consultazioni al giorno) e il va e vieni di suore di passaggio e in formazione; una breve visita ai malati di burulì di Kongouanou (in quei giorni c’erano 37 ricoverati, alcuni erano bimbi piccolini) per un saluto e un incoraggiamento e poi una toccata veloce al “Centre Providence” di Bouaké giusto in tempo per la festa per la promozione di 9 ragazze che hanno finito la formazione.
Il “Centre Shalom” di Yamoussoukro è stato la nostra meta principale: quest’anno ci sono una sessantina di ragazzine, molte delle quali sono sotto ai dieci anni, ma tutte hanno alle spalle famiglie in difficoltà che non si preoccupano del futuro o della scuola per queste bambine, ma a cosa mangiare giorno per giorno: anzi, spesso costringono le bambine a lavorare per contribuire alle spese famigliari. Le suore visitano regolarmente le famiglie, per mantenere i contatti, per verificare le condizioni di vita e di salute, per incentivare i parenti, dando loro pieno supporto, a registrare all’anagrafe le bambine sprovviste di certificato e continuare a mandarle al centro.

Al Centro la vita scorre serenamente fra lezioni al mattino, il pranzo e i laboratori al pomeriggio. Le bambine si sentono accudite e amate, tanto che alcune benché siano passate alla scuola media, non mancano di venire a salutare le Tantis (le insegnanti) e ma Soeur! Il gruppo di quest’anno ama molto ballare e fare i lavoretti, piuttosto che studiare ma Tanti Colette con fermezza tiene la disciplina e prepara il gruppo del quarto anno per l’esame finale di giugno.Nel nostro cuore ritornano i sorrisi e le storie di tante di loro: Rose, Ange, Océane, Fatima, Iris, Morène… oppure lo sguardo luccicante di quando abbiamo detto loro che veniamo da Udine: “La stessa città di Padre Luigi! Ma allora conoscete la sua famiglia?”

Il “Centre Shalom” rimane come una sentinella attenta al proprio territorio, un luogo dove vivere un’infanzia e preadolescenza serena: nel nostro cuore c’è la speranza che un giorno la società ivoriana riesca ad occuparsi di queste persone “senza genitori” destinate alla strada o al lavoro minorile, riconoscendo l’opera che le “Suore della Provvidenza” stanno svolgendo. Attualmente, senza la presenza di queste suore e del personale laggiù e la solidarietà concreta di tanti benefattori quassù tutto questo non sarebbe possibile.

Ci auguriamo inoltre che questo popolo, che ha molto sofferto per dure crisi politiche, ma anche tutti i popoli della terra possano essere governati da politici che mettono sempre al primo posto il Bene: il bene della gente, il bene dell’umanità! Shalom!
Come gruppo FONS saremo ben felici di raccontare, con le foto e i video raccolti, questa nostra esperienza a chiunque lo desideri.

Cristina e Marco Bolzon (Gruppo FONS)

 

IL PICCOLO PRINCIPE

Sabato 8 febbraio alle ore 16.00 gli amici del Piccolo principe invitano quanti lo desiderino a partecipare alla iniziativa Assaggi in Bottega che si svolgerà presso la Bottega della Solidarietà in via Vittorio Veneto 22/G- Casarsa della Delizia(PN). Si potranno degustare cioccolato, the,  dolci, prodotti del Commercio Equo e Solidale, cucinati dalle persone con disabilità e fragilità, sotto la guida dei loro educatori, del Centro Sociale Occupazionale e della Cucina delle Fratte .

E’ una bella occasione per unire il Gusto alla Solidarietà.